Torna su

TERAPIA OCCUPAZIONALE: dai falsi miti alle buone pratiche

work in progress..

AITO, Associazione Italiana dei Terapisti Occupazionali, invita a partecipare al Convegno“Terapia Occupazionale: dai falsi miti alle buone pratiche”, organizzato  in occasione del World OccupationalTherapyDay, in collaborazione con il Corso di Laurea in Terapia Occupazionale dell’Università G. D’Annunzio, di Chieti-Pescara, che quest’anno festeggia il decennale dell’istituzione.

 

La giornata internazionale della Terapia Occupazionale promossa dalla WFOT (World Federation of OccupationalTherapy) è stata creata per sensibilizzare gli Stati e l’opinione pubblica sul ruolo di questa professione nella promozione della salute e il benessere bio-psico-sociale delle popolazioni.

 

L’art.32 della Costituzione descrive “..la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività..”. Compito del Professionista Sanitario è adoperarsi affinchè ogni cittadino possa accedere a questo diritto.

La letteratura insegna che la qualità della vita dipende dalla libertà di scegliere le proprie attività e dal possesso di capacità e/o potenzialità di fare quel che vogliamo per poter essere ciò  che desideriamo.

Obiettivo del convegno è definire il ruolo del Terapista Occupazionale (T.O.) in questo processo di cambiamento non solo interno alla Persona ma anche della Società in cui viviamo, mettendo a confronto realtà nazionali e internazionali, con un occhio di riguardo  alle evidenze che dimostrano l’efficacia e l’efficienza dell’intervento mirato alla promozione della salute e al ben-essere biopsicosociale.

L’autonomia è il primo grande traguardo da raggiungere per sviluppare stima e fiducia: verrà mostrato che il T.O. ha le competenze per far riconoscere al singolo le proprie qualità e per impiegarle al meglio, progettando il suo futuro e cercando di realizzarlo.

Ampio spazio verrà dato, all’interno della tavola rotonda, all’importanza della formazione professionalizzante del futuro terapista, lo studente. Formazione obbligatoria per acquisire competenze dettate dal Profilo professionale (D.M. 136/97), di cui l’Associazione di categoria, tramite i rappresentanti in commissione di Laurea, si fa’ garante nel momento dell’esame abilitante.

 

Il Convegno servirà a trasmettere anche il messaggio di cui AITO si fa’ promotore ormai da tempo: Una Rete Sociale tra Associazioni di Categoria e Associazioni di Malati è l’unica strada per raggiungere l’obiettivo comune a tutti, un SSN accessibile e che soddisfi tutti i bisogni del nostro Paese.

 

Appuntamento dunque a Chieti Scalo, presso l’aula magna del Cums, il 20 Novembre 2015.

L’evento è in fase di accreditamento ECM per tutte le professioni sanitarie, ed è aperto anche a medici, psicologi, specializzandi, studenti, e a tutta la cittadinanza. 

 

A breve, programma e scheda di iscrizione!