Torna su

MANOVRA, DEROGHE ISCRIZIONI ALBI

Data News: 
Venerdì, 21 Dicembre, 2018

 

AITO ha appreso dell’emendamento dei relatori 1.6003 che modifica le legge 42/99 (Disposizioni in materia di professioni sanitarie) introducendo per la terza volta, dopo l’inammissibilità in Commissione Bilancio alla Camera (si legga anche nota del Presidente Senatore) e poi il ritirato emendamento della Lega al Senato, una deroga per l’iscrizione agli Ordini da parte dei professionisti senza titoli. L’AITO chiede ai proponenti il ritiro immediato di tale proposta.

La votazione, attesa per il pomeriggio del 21/12, è stato slittata alle 16 del 22/12. 

 

CHIEDIAMO IL VOSTRO AIUTO PER FERMARE QUESTA SITUAZIONE INCONCEPIBILE

1) INDIRIZZARE UNA MAIL PERSONALE A:

Presidente@pec.governo.itgrillo_g@camera.itdaniele.pesco@senato.iterica.rivolta@senato.itmauromaria.marino@senato.itcristiano.zuliani@senato.itraffaele.fantetti@senato.itrossella.accoto@senato.itdario.damiani@senato.itgianmauro.dellolio@senato.itvasco.errani@senato.itroberta.ferrero@senato.itmassimo.ferro@senato.itagnese.gallicchio@senato.itdaniele.manca@senato.itmarco.marsilio@senato.itantonio.misiani@senato.itmarco.pellegrini@senato.itgilberto.pichettofratin@senato.itelisa.pirro@senato.itvincenzo.presutto@senato.itantonio.saccone@senato.itchristian.solinas@senato.itdario.stefano@senato.itdieter.steger@senato.itpaolo.tosato@senato.itmario.turco@senato.it;

E  IN C/C

stefano.patuanelli@senato.itannamaria.bernini@senato.itmassimiliano.romeo@senato.itandrea.marcucci@senato.itluca.ciriani@senato.itjulia.unterberger@senato.itloredana.depetris@senato.it;

2) INSERIRE NELL’OGGETTO: “I SAY NO ALL'EMENDAMENTO N° 1.6003 DDL N°981”

3) ALLEGARE PDF “I SAY NO 3. PDF”, “EMENDAMENTO_1.6003.PDF”

4) INDICARE NEL CORPO DEL MESSAGGIO: il proprio NOME, COGNOME, PROFESSIONE SANITARIA

5) INVIARE LA MAIL

E andate sulle pagine social di parlamentari della maggioranza di governo e condividete l'immagine di IO DICO NO a 1.6003

 

Pur apprezzando lo sforzo svolto nell’avanzare soluzioni, AITO teme che questa proposta premi chi, pur avendo avuto la possibilità di scegliere l’opzione prevista dalla legge sull’equipollenza (27 luglio 2000) non ha esercitato la professione con il titolo appropriato per anni e danneggi coloro che hanno una formazione adeguata alla mansione richiesta. Ritiene inoltre che l’emendamento, cosi come proposto, non faccia differenza tra chi ha conseguito il titolo entro il 17 Marzo 1999 e chi lo ha conseguito successivamente. La valutazione del percorso formativo e la carriera pregressa dei singoli professionisti andrebbero valutati “caso per caso”. Il voler inserire, forzatamente, lavoratori senza titolo in un elenco speciale dell’ordine dei TSRM PSTRP va contro qualsiasi regola che disciplina il comparto degli Enti pubblici deputati alla tutela e la vigilanza delle professioni. In caso di affidamento di un incarico professionale in una materia per la quale non si possiede la necessaria abilitazione e specializzazione professionale, decoro e dignità professionale significano rifiutare l’incarico ricevuto, nel rispetto delle norme di legge e di comportamento deontologico. Inoltre scopo dell’ordine professionale è l’accertamento del titolo abilitante e della corretta specializzazione. Pertanto AITO pur condividendo la necessità di trovare soluzioni di sanatoria attraverso specifici percorsi accademici non può accettare l’emendamento dei relatori 1.6003 che permetterebbe solo l’esercizio abusivo della professione a discapito del benessere del cittadino. 

Il presidente dell’Ordine Alessandro Beux si dice favorevole ad “una soluzione normativa per quei professionisti che, pur non possedendo oggi un titolo che permetta loro l’iscrizione al relativo albo”. Ma avverte: “No a sanatorie”

 

 

 

Categoria News: 
News